MEDICO E FARMACIA fatturazione elettronica si o no?

Dal 1 gennaio 2019 la modalità di emissione della fattura potrà essere solo elettronica. Il rilascio del documento cartaceo non avrà più alcuna validità  ed è sostituito non da un file pdf o immagine, ma da un un sistema piuttosto complesso di flusso di dati, che necessita di un apposito software per la loro compilazione, creazione e lettura, e che viene inviato al cliente tramite il Sistema di Interscambio (SDI) dell’Agenzia delle Entrate che è una sorta di “postino” che svolge i seguenti compiti:

– verifica se la fattura contiene almeno i dati obbligatori ai fini fiscali,

– controlla che la partita IVA del fornitore (cedente /prestatore) e la partita IVA ovvero il codice fiscale del cliente (cessionario/committente) siano esistenti

– consegna, in caso di esito positivo dei controlli precedenti, la fattura al destinatario

Nel sistema della fatturazione elettronica è coivolta anche la categoria dei medici, per la quale un emendamento permetterà una eccezione alla regola di inserimento graduale nel sistema della fatturazione elettronica sin dal 2019.

Pertanto sinteticamente i medici:

 

  • saranno ESONERATI dall’emissione delle fatture elettroniche SOLO per tutte le prestazioni eseguite che dovranno essere inviate al sistema TS per il 730 precompilato (cioè quelle fatture relative a spese mediche che il paziente può detrarsi nella dichiarazione dei redditi);
  • saranno OBBLIGATI ad emettere le fatture elettroniche per le prestazioni DIVERSE da quelle di cui al punto sopra. Esempio: fattura ad un poliambulatorio, fattura al medico sostituito, fattura per corso di formazione;
  • IN OGNI CASO, NON SARANNO ESONERATI dal ricevimento delle fatture elettroniche dai fornitori che emetteranno fatture elettronica. Esempio: lo studio odontotecnico, il consulente fiscale, l’avvocato, il collaboratore dentistico, il sostituto del medico, la società immobiliare che affitta l’immobile etc.
Condividi l'articolo:
error