Proroga per il patentino trattori: ecco chi può beneficiare dell’esenzione

Lo scorso 23 febbraio 2017, dopo una lunga attesa è stato approvato definitivamente il cosiddetto Decreto Milleproroghe, al cui interno sono contenute alcune misure di interesse agricolo. Tra i vari provvedimenti adottati c’è anche la proroga al 31 dicembre del 2017 dell’entrata in vigore del patentino trattori, ossia dell’obbligo d’idoneità per l’utilizzo delle macchine agricole come trattori, sollevatori telescopici, carrelli elevatori, ecc. Quest’intervento è stato supportato dalla #Coldiretti (Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti), ed è stato introdotto con una specifica variante nella legge di stabilità.

Restano esenti coloro che hanno due anni d’esperienza

Questa ulteriore proroga rappresenta, per i diversi coltivatori che già stanno lavorando o che in passato hanno operato con i mezzi agricoli, un’opportunità per acquisire maggiore esperienza e per poter effettuare semplicemente il corso di aggiornamento entro il 31 dicembre del 2018.

Infatti resteranno esenti dall’obbligo di acquisire il patentino trattori, tutti i lavoratori che potranno garantire, tramite autocertificazione, di avere una discreta esperienza nella guida dei mezzi agricoli, per un arco di tempo di ventiquattro mesi nell’ultimo decennio. Grazie alla recente proroga, sarà possibile acquisire tale esperienza fino all’ultimo giorno dell’anno. Le regole, invece, saranno differenti per tutti coloro che dovranno utilizzare macchine agricole a partire dal 1° gennaio del 2018. Infatti gli “ex novo” saranno chiamati a conseguire l’abilitazione (patentino) prima dell’uso.

La norma prevede due obblighi

La nuova legge prevede sostanzialmente solo due obblighi. Tutti i lavoratori che non hanno mai avuto il patentino dovranno partecipare ad un corso di formazione della durata di circa 12 ore.

Dopo il 31 dicembre del 2018, tutti coloro che verranno sorpresi alla guida dei mezzi elencati prima senza il cosiddetto “patentino trattori”, rischieranno di incorrere in multe salatissime, che andranno da un minimo di 1.315 ad un massimo di 5.699 euro. I suddetti corsi si terranno in sedi autorizzate rintracciabili sul web. Ad ogni modo, è consigliabile informarsi a fondo, per evitare di incappare in truffatori che si spacciano per sedicenti enti certificatori.

Condividi l'articolo:
error