Sicurezza sul lavoro, sospensione immediata per le aziende che violano le norme

Sospensione immediata della produzione per le imprese sorprese a violare le norme della sicurezza sul lavoro. È la stretta annunciata dal premier Draghi ai sindacati convocati oggi per discutere di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Arriva anche una banca dati nazionale e l’assunzione di nuovi ispettori del lavoro. “È stato un incontro molto utile per fissare un metodo di lavoro, c’è intesa su questi temi”, ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi

Dall’incontro, ha spiegato invece Bombardieri, è arrivato il via alla banca dati contro gli infortuni sul lavoro.  “Abbiamo parlato con il presidente del Consiglio e i ministri Orlando e Brunetta dei temi della sicurezza lavoro – ha riferito il leader Uil – e abbiamo condiviso la necessità di combattere la strage continua (di morti sul lavoro ndr). Alcune decisioni sono state prese stasera altre saranno assunte nei prossimi giorni. Intanto si è deciso insieme al governo di costurire una banca dati centrale degli infortuni sul lavoro”.E  sulle sanzioni – ha aggiunto Bombardieri “il governo si è impegnato, su nostra richiesta, a deliberare con decreto la sospensione dei posti di lavoro dove ci sono violazioni delle norme di sicurezza per dare la possibilità all’azienda di mettersi a norma”.

“Le assunzioni di 2.300 ispettori è un segnale importante, ma abbiamo detto che non è sufficiente – dice Sbarra (Cisl) – perché secondo noi anche a seguito di pensionamenti il contingente preposto alle verifiche e ai controlli sul territorio nazionale va ulteriormente rafforzato. Poi c’è un impegno forte per concentrare risorse e investimenti sulla formazione e la prevenzione, per sostenere un’autentica cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro”

Condividi l'articolo:
error